venerdì 19 marzo 2010

Storia di Trilly



Non voglio raccontarvi la storia della fata di Peter Pan, che tanto tutti conosciamo, ma quella della mia Trilly, fatta di sere e di domeniche..


Ultimamente sapete, ho la fissa per i topper, allora andavo in giro facendo vedere a destra e a manca le mie "opere d'arte".
Grazie a Facebook ho ripreso a sentirmi assiduamente con una mia lontana cugina, cresciute come sorelle, ci vogliamo un sacco di bene.
Allora chattando chattando mi ha chiesto un topper per il primo compleanno della sua bimba.
All'inizio ho pensato di fare una cosa semplice, molto stilizzata, ma dopo aver provato tre volte ho deciso di farla come le altre fate.


Dopo aver passato tante sere e domeniche e sabati a cercare immagini di trilly su internet per fare bene il vestito, le scarpe, i capelli ho ottenuto un risultato abbastanza soddisfacente.
L'imballo per la spedizione è stato complicato: ho usato spugna da bagno a fette e ho cercato di incastrare tutto.
Ma come si può imballare bene un oggetto così delicato?
Il topper non è arrivato nelle migliori condizioni: la scatola molto danneggiata e la fata con un braccio rotto.
Aspetto suggerimenti o spiegazioni!!! eh eh
Un abbraccio forte forte!!
Cri

2 commenti:

Ilaria ha detto...

Io conservo le "patatine fritte di polisitrolo" quando mi arrivano in qualche spedizione e imballo poi ulteriormente con carta di giornale appallottolata, perchè non si muova nulla...
certo un po' di accortezza da parte delle poste non guasterebbe!!
Un bacio bella e brava bimba!

cristina ha detto...

ciao Grazie Ila del consiglio. Quando mi ha detto " dalle condizioni del pacco pensavo che non fosse rimasto nulla" mi sono spaventata! va bhe almeno non si è rotta!